Scheda Biografica di Adolfo Fenoglio

Fenoglio Adolfo – L’Intervista Contatti (protetto)

  • Tra i primi allievi della scuola di teatro del Teatro Stabile di Torino, già Piccolo di Torino
Torino, 11/07/1936
Stato civile: Coniugato
Titolo di studio: Diploma di scuola superiore
Professione: Attore, regista
Attualmente:

  • Pensionato
  • Svolge ancora attività come doppiatore e sporadicamente fa letture pubbliche
Si forma alla scuola del Piccolo Teatro di Torino tra il 1955 e il 1956. È tra gli attori di Un caso clinico di Dino Buzzati per la regia di Giacomo Colli nel 1958, produzione del Teatro Stabile di Torino.
Sempre nel 1958 è tra i fondatori del Teatro delle Dieci con Massimo Scaglione e un gruppo di attori e colleghi provenienti dalla scuola del Teatro Stabile, tra cui Carla Torrero (attuale moglie): la compagnia presenta per la prima volta in Italia i testi di Eugène Ionesco e di altri grandi nomi della drammaturgia contemporanea.
Recita nei Teatri Stabili di Genova, Firenze Milano e in numerose compagnie primarie. Lavora in radio, televisione e cinema come attore e doppiatore.
Di seguito alcuni spettacoli della sua carriera d’attore e regista:

  • Ciascuno a suo modo di Luigi Pirandello e ne Il diavolo e il buon Dio di Jean-Paul Sartre, diretti da Luigi Squarzina (Teatro Stabile di Genova, ’61-’62);
  • Burosauri di Silvano Ambrogi, regia di Ruggero Jacobbi con Ernesto Calindri (Piccolo di Milano, 1962);
  • collabora alla regia di Giorni felici di Samuel Beckett, diretto da Roger Blin, con Laura Adani e Franco Passatore, prodotto dallo Stabile torinese (1965);
  • La lunga notte di Medea di Corrado Alvaro, con la compagnia Laura Adani-Maurizio Scaparro (Roma, 1966);
  • Baciami Alfredo di Carlo Terron, regia di Carlo Di Stefano, con la compagnia Alberto Lupo-Valeria VaIeri (Firenze, Teatro della Pergola,1969);
  • Oplà, giochiamo insieme, ultimo spettacolo di Erminio Macario (Torino, Teatro Macario, 1979);
  • dirige Trappola per topi di Aghata Cristie, prodotto da Torino Spettacoli, con la riformata compagnia del Teatro delle Dieci (1988);
  • Mille franchi di ricompensa di Victor Hugo, regia di Benno Besson, (Genova, Teatro della Corte, 1991);
  • Pensaci, Giacomino! di Luigi Pirandello, con Ernesto Calindri (Milano, 1992);
  • Rumori fuori scena di Michael Frayn, regia Marco Sciaccaluga, con Zuzzurro e Gaspare (Firenze, Teatro La Pergola, stagione 1998-’99);
  • dirige Le sedie di Eugène Ionescoe vi recita (Alba,Teatro Sociale, 2008).