Intervista a Ghezzi Ornella
ORMT-04d

Interviewee: Ghezzi Ornella
Interviewer: Fava Francesca

Fava Francesca

13 gennaio 2015 – Roma, appartamento dell’intervistata

  • People
  • Titles (Theater Performances, Texts, Films)
  • Places
  • Collective Organizations (Companies, Institutions)

  • Albertazzi Giorgio
  • Bertacca Umberto
  • Branciaroli Franco
  • Castaldi Patrick Rossi
  • Castelnuovo Nino
  • Colli Giacomo
  • Cortese Elvira
  • Cortese Leonardo
  • Cortese Valentina
  • Della Casa Roberto
  • Diana Riccardo
  • Ferrati Sara
  • Fo Dario
  • Franchetti Rina
  • Giannotti Claudia
  • Grassi Paolo
  • Kazimierz Dejmek
  • Kustermann Manuela
  • Maraini Dacia
  • Marchini Carla
  • Mezzabotta Orlando
  • Micheli Maurizio
  • Micol Pino
  • Palazzi Renato
  • Pelloni Riccardo
  • Proclemer Anna
  • Rame Franca
  • Scaparro Maurizio
  • Tofano Sergio
  • Vasilicò Giuliano
  • Zamengo Renata

  • Battaglie di dama di Scribe Eugène, regia di Cortese Leonardo
  • Il cimitero degli elefanti regia di Rossi Castaldi Patrick
  • La bugiarda di Goldoni Carlo, regia di Bosetti Giulio
  • La passione, regia di Kazimierz Dejmek
  • Le figlie del defunto colonnello di Maraini Dacia, regia di Giuffrè  Aldo
  • Le ultime lettere di Jacopo Ortis di Del Monte Peter
  • Maria Stuarda di Maraini Dacia regia di Scalfi Saviana
  • Non è vero, ma ci credo! di De Filippo Peppino
  • Otello di Shakespeare
  • Pelle d'asino, regia di Riccardo Diana William, regia di Scaparro Maurizio

  • Chiavenna (Sondrio), città natale
  • Carceri Femminili, Civitavecchia
  • Lirico Teatro, Milano
  • Scuola Civica del Piccolo Teatro, Milano
  • Teatro Politeama, Milano
  • Carcere di Rebibbia, Roma
  • Teatro in Trastevere, Roma
  • Teatro Le Maschere, Roma
  • Teatro Sfera, Roma
  • Viale Carso, Roma abitazione di Elvira Cortese, Roma
  • Teatro Alfieri, Roma

  • Collettivo Isabella Morra
  • Compagnia della Rocca
  • Living Theatre
  • Teatro dell’Elfo
  • Teatro Uomo
  • Théâtre du Soleil

Description
00:00:22 Formula di rito: richiesta di consenso alla cessione dei diritti al termine dell’intervista.
Formazione teatrale: nata in provincia di Sondrio a 18 anni, nel 1968, fa un provino e viene ammessa alla scuola Civica del Piccolo Teatro di Milano diretta da Paolo Grassi.
Provino di ammissione, compagni di classe (Franco Branciaroli, Maurizio Micheli, Riccardo Pelloni, Renato Palazzi, Orlando Mezzabotta), insegnanti straordinari. Grosso stimolo artistico e culturale che le diede la scuola.
00:09.02 Riferimenti professionali-culturali e modelli attorici: Valentina Cortese, Albertazzi Proclemer, Sergio Tofano, Sara Ferrati.
La Milano degli anni ’60.
00:10:51 Decisione di trasferirsi a Roma dopo il diploma, su consiglio di Paolo Grassi, a causa della carenza di scritture: c’erano poche realtà teatrali a Milano, i gruppi ‘storici’ nascevano allora (il Teatro Uomo, il Teatro dell’Elfo, la Compagnia della Rocca).
Prima di lasciare Milano fece esperienza nel coro del Lirico Teatro e recitò con un regista polacco, Kazimierz Dejmek.
A Roma l’inizio non fu semplice, ma grazie alla sua padrona di casa, l’attrice Elvira Cortese, che le affittò una stanza in viale Carso, viene introdotta nel mondo del teatro. Il fratello Leonardo Cortese, regista, la scritturò per uno sceneggiato in televisione, Battaglie di dama con Claudia Giannotti (1973).
In seguito Maurizio Scaparro la seleziona per recitare Ofelia in Otello (1974): Amleto era Pino Micol e lo spettacolo ebbe molto successo. Debutto all’Alfieri di Torino e un anno di tournée.
00:20 28 Periodo di inteso lavoro: Le ultime lettere di Jacopo Ortis di Peter Del Monte (1974) per la televisione, La bugiarda di Carlo Goldoni, regia di Giulio Bosetti (1974) per il teatro (un anno di tournée), e, in seguito interpreta Rosina con Peppino De Filippo in Non è vero, ma ci credo!
Ricordo di De Filippo come di un regista molto rigoroso: un giorno al Politeama di Napoli, lo incontra alle 17 in camerino, che si preparava. Con lui lavorò in seguito sia in televisione, che in teatro.
00:26:06 Non c’erano grandi differenze di trattamento fra uomini e donne sulle parti medie o piccole, l’autorità si sentiva verso il primo attore o la prima attrice.
Interesse verso il teatro delle avanguardie: A Milano apprezzò Franca Rame e Dario Fo, che proponevano un teatro ‘diverso’. Grande fermento, consenso nel teatro politico: il Living Theatre, il Théâtre du Soleil, a Roma Giuliano Vasilicò, Manuela Kustermann.
00:33:41 Incontro con il teatro delle donne: verso i trent’anni fa un provino con Saviana Scalfi per Maria Stuarda (1979) di Dacia Maraini con Renata Zamengo (costumi di Umberto Bertacca). La colpisce questa donna forte, attrice e imprenditrice, madre.
Nel corso delle prove, improvvisando, emerge il suo personaggio, l’ancella, la voce del popolo. Di Scalfi apprezza la libertà che dà agli attori di potersi esprimere.
Molte repliche, in tutta Italia, a Roma nel Teatro in Trastevere, in Spagna. Grandi difficoltà a trovare le piazze, paghe sempre buone e puntuali. Ghezzi apprezza il coraggio di Scalfi e il suo impegno femminista.
00:45:41 Reazioni del pubblico a Maria Stuarda: grande partecipazione, anche durante il dibattito post- spettacolo. Moltissime repliche, ovunque, diverse in provincia. Una volta usò come camerino una macelleria e gli spettatori portarono da casa le sedie.
Altri spettacoli con il Collettivo Isabella Morra e Saviana Scalfi: Le figlie del defunto colonnello, regia di Aldo Giuffrè, poi letture nelle carceri a Rebibbia, a Civitavecchia, nei Carceri Femminili.
In seguito recita nella commedia Il cimitero degli elefanti regia di Patrick Rossi Castaldi.
A 34 anni Ghezzi sente che il periodo è cambiato, e anche la sua vita personale, sente la necessità di fermarsi, e di occuparsi della sua vita privata. Va a convivere, ma continua a collaborare con Scalfi e anche con altri. In teatro lavora con Nino Castelnuovo, in televisione con Scaparro, alla radio con Giacomo Colli.
00:54:33 Il marito Roberto Della Casa, un clown di strada, ha avuto una diversa formazione, più legata al teatro sociale, nasce con il gruppo Teatro Sfera e poi ha fatto tanto cinema e teatro.
Primo bilancio: Ghezzi afferma di aver molto lavorato fino ai quarant’anni e fino alla nascita della figlia. Dalla maternità in poi, ha continuato a fare l’attrice, ma per lei sono cambiati i ruoli, e anche le occasioni.
01:02:18 Si ha continuità lavorativa come donne in teatro se si è legate a uomini di potere, oppure è necessario avere un carattere forte, deciso.
Ora, a 65 anni, desidererebbe recitare la vecchina in Garcia Lorca La casa di Bernarda Alba, ruolo che vide interpretato da Rina Franchetti, un’attrice che apprezzò molto
01:06:33 Il teatro delle donne di oggi: sarebbe bello che esistesse, ma si è spenta una voce. Le donne di teatro sono ripiegate in sé stesse. Anche la società è cambiata. Roma non dà molti stimoli oggi, è un più retrograda rispetto a Milano.
1,08,00 L’esperienza al teatro Le maschere di Roma di Carla Marchini, in Pelle d’asino regia di Riccardo Diana, spettacolo di alta qualità e serietà.
Formula di rito per la cessione dei diritti. Ghezzi acconsente.

Listen Audio ExtractsVai alla Scheda Biografica

Interview Duration:
  • 1:08:00
  • Registration Duration:
  • 1:08:00
  • Format: mp3
    Type: Audio
    Language: Italiano
    Subjects:
    Original Document Placement:
  • ICBSA, Via Caetani 32, 00186, Roma
  • Museo Biblioteca dell’Attore, Via del Seminario 10, 16121, Genova
  • Usage and Rights:

    Tutti i materiali audio presenti nel Portale di Patrimonio orale sono proprietà esclusiva di Ormete e dell’intervistato.

    Per ogni uso del materiale diverso dall’ascolto (al di là di citazione limitata) deve essere richiesta l’autorizzazione a ECAD/Ormete. Vedi le norme generali in “Uso e Diritti” in home page.

    Citation:

    Intervista a  Ghezzi Ornella di Fava Francesca,  Roma, il 01/13/2015, Progetto “Donne di teatro a Roma ai tempi della mobilitazione femminista (1965-1985)”, Collezione Ormete (ORMT-04d) consultata in URL:<http://patrimoniorale.ormete.net/intervista-a-ghezzi-ornella/>, (data di accesso).

    Relation:
  • Donne di teatro a Roma ai tempi della mobilitazione femminista (1965-1985)
  • Bibliography: